Assistenza legale per cause ereditarie e questioni successorie

testamentoLa successione si apre al momento della morte della persona e determina il trasferimento in capo ai successori del patrimonio del defunto. Le modalità di detto trasferimento sono stabilite dalla legge, la quale prevede due tipologie di successione:

– la successione legittima: opera in assenza di testamento (o quando il testamento dispone soltanto su alcuni beni) , la devoluzione dell’eredità (o della parte di essa non inclusa nel testamento) avviene secondo i criteri e le quote stabilite da legge in favore dei parenti prossimi del de cuius, secondo una specifica graduazione;
– la successione testamentaria: in questa ipotesi la persona ha già stabilito nel testamento a chi debbano essere trasferiti i beni ereditari. Il testamento è una dichiarazione solenne di volontà effettuata in vita dalla persona con cui decide la devoluzione dei propri averi per il tempo in cui non sarà più in vita. La legge prevede per la validità del testamento rigidi requisiti di forma ed anche il contenuto del testamento deve rispettare alcuni criteri, stabiliti dalla normativa.

Le successioni sono una materia complicata e per una sua corretta disamina sono necessarie competenze specifiche ed una preparazione particolarmente qualificata.
Grazie alla notevole esperienza maturata in questo peculiare settore giuridico, l’avv. Barbara D’Angelo fornisce assistenza e consulenza in tutti gli ambiti del diritto successorio, occupandosi tra l’altro di:

– redazione della dichiarazione di successione;
– accettazione dell’eredità, accettazione con beneficio di inventario;
– rinuncia all’eredità;
– redazione del testamento e degli atti dispositivi di ultima volontà;
– interpretazione delle clausole testamentarie;
– impugnazione del testamento;
– mediazione e contenzioso ereditario;
– divisione ereditaria;
– donazioni;
– successioni internazionali.

Per maggiori informazioni chiama lo 051 237070 o usa il form alla sezione

Redazione della dichiarazione di successione

La dichiarazione di successione è un incombente di natura amministrativa- fiscale, finalizzato al conteggio ed al pagamento dei tributi dovuti per legge dagli eredi.

La dichiarazione di successione va presentata all’Agenzia delle entrate, nella sede di residenza del defunto entro un anno dalla sua morte, unitamente ai documenti attestanti l’entità dell’asse ereditario. Le imposte variano a seconda della consistenza del patrimonio caduto in successione e del grado di parentela degli eredi.

L’avvocato Barbara D’Angelo presta assistenza e consulenza qualificate ai fini  della redazione della dichiarazione di successione e nella raccolta dei documenti necessari, quali certificati anagrafici, visure catastali e certificazioni sulle proprietà immobiliari, documentazione bancaria, ecc.

Accettazione e rinuncia all’eredità

Il patrimonio ereditario comprende l’insieme dei rapporti economici attivi e passivi che fanno capo alla persona al momento del suo decesso. L’eredità, pertanto, non include soltanto i beni ed i crediti di cui è titolare il defunto, ma anche i suoi debiti.

I debiti si trasmettono, infatti, agli eredi, al pari dei crediti e dei beni.

È pertanto fondamentale ricostruire con precisione l’asse ereditario, comprensivo delle passività e dei debiti, prima di accettare l’eredità. Va inoltre verificato che la persona mancata fosse in regola con gli enti previdenziali e con il Fisco, in modo da evitare future esposizioni debitorie degli eredi.

E’ bene sottolineare che l’accettazione può essere manifestata espressamente mediante apposita dichiarazione, o in modo tacito, mediante comportamenti da cui si desuma che l’erede ha accettato.

E’ peraltro possibile accettare l’eredità con beneficio di inventario: in questo caso, l’accettazione è subordinata alla rendicontazione delle voci attive e passive dell’asse ereditario.

All’esito del rendiconto sarà possibile accettare pienamente o rinunciare all’eredità. L’accettazione con beneficio di inventario è obbligatoria quanto eredi siano minori o persone incapaci, mentre negli altri casi richiede una specifica dichiarazione formale in tal senso.

Per una successione senza sorprese è consigliabile rivolgersi ad un avvocato specializzato, che possa indicare quale sia la modalità migliore, in relazione allo specifico caso concreto, per poter ereditare in tutta sicurezza.
Lo studio legale Barbara D’Angelo fornisce ai clienti assistenza e consulenza di alto livello nella ricostruzione dell’asse ereditario, occupandosi della raccolta di tutta la documentazione necessaria, prospettando la soluzione più opportuna in relazione alla vicenda specifica.

Redazione del testamento

Il testamento è l’atto con il quale la persona dispone dei propri beni e del proprio patrimonio per il tempo in cui non sarà più in vita.
Nella testamento, l’interessato può optare per una distribuzione dei beni tra i successori anche molto diversa da quella che si avrebbe secondo le regole della successione legittima. Ad esempio, col testamento possono essere lasciati beni a persone estranee al nucleo familiare oppure a soggetti giuridici, quali associazioni, enti, ecc. che mai potrebbero ereditare secondo i criteri della successione legittima.

I familiari più stretti (coniuge e figli) sono comunque tutelati dalla legge, in quanto ad essi è riservata una quota dell’eredità (la cosiddetta “quota indisponibile” o “legittima“), il cui ammontare varia a seconda del numero e della qualità dei legittimari e della quale il testatore non può disporre liberamente. Lo scopo della normativa in parola è quello di consentire la conservazione quanto meno di una parte del patrimonio all’interno della famiglia.

Il testamento che non rispetti tali regole può essere impugnato e contestato dagli aventi diritto.

La legge, inoltre, prevede importanti requisiti di forma per la validità del testamento. Ad esempio, il testamento olografo, cioè quello scritto direttamente dall’interessato, dev’essere redatto interamente di pugno dal medesimo, datato e sottoscritto personalmente.Il mancato rispetto dei requisiti di forma stabiliti dalla legge rende impugnabile e contestabile il testamento.

Il testamento può essere sempre modificato e revocato dal testatore.

Grazie all’esperienza maturata in questo specifico settore giuridico, l’avvocato Barbara D’Angelo presta assistenza e consulenza particolarmente qualificate  ai fini della redazione del testamento, dell’interpretazione delle clausole e dei profili di invalidità delle disposizioni di ultima volontà.

Se desideri un parere legale chiama lo 051 237070 oppure

Impugnazione del testamento

Il testamento può essere impugnato quando non rispetti i rigidi requisiti di forma stabiliti dalla legge ed altresì quando escluda gli eredi legittimari o riduca le quote ai medesimi spettanti (la cosiddetta “lesione di legittima“) ovvero quanto sia stato redatto da persona in quel momento incapace di intendere e di volere.

L’impugnazione del testamento è possibile soltanto dopo la sua pubblicazione, e dunque soltanto dopo l’apertura della successione.

Lo studio legale dell’avv. Barbara D’Angelo presta consulenza riguardo ai possibili profili di contestazione della scheda testamentaria, assistendo i clienti anche in sede contenziosa.

Divisione ereditaria

La divisione ereditaria è lo strumento mediante il quale si scioglie la comunione sussistente tra gli eredi sui beni caduti in successione. Al momento di apertura della successione, i beni del defunto vengono trasmessi complessivamente agli eredi, talchè ciascuno ne è proprietario pro quota.

Con la divisione si passa da una cointestazione della somma dei beni pro quota agli eredi all’intestazione dei singoli beni a ciascun erede, nel rispetto del valore della quota spettante a ciascuno secondo la legge.

La divisione può essere richiesta da ciascun coerede in ogni momento.
La divisione ereditaria nella pratica comporta spesso la necessità di conguagli tra gli eredi, ad esempio, quando il controvalore economico di un immobile assegnato superi l’ammontare della quota percentuale spettante all’erede che ne è divenuto intestatario.

Lo studio legale Barbara D’Angelo assiste i clienti nella gestione e ripartizione dell’asse ereditario, consentendo il raggiungimento di soluzioni soddisfacenti. Viene privilegiata la ricerca di una soluzione negoziale concordata tra i coeredi, anche mediante la procedura di mediazione (obbligatoria in questa materia), certamente più vantaggiosa, in termini di tempi e costi, rispetto al procedimento giudiziale.

Qualora ciò non sia possibile, lo studio legale Barbara D’Angelo presta assistenza anche in giudizio, dinnanzi ai Tribunali di tutta Italia ed all’estero, nel caso di successioni internazionali.

Per maggiori informazioni chiama lo 051 237070 o vai alla sezione

Donazioni

La donazione è un atto con una persona, per spirito di liberalità arricchisce un’altra, disponendo in favore di questa di un suo diritto o di un suo bene o assumendo un’obbligazione verso la stessa.

La donazione, una volta effettuata, è irrevocabile, tranne che in ipotesi specifiche. Trattandosi di un atto di liberalità con cui un soggetto si priva di un proprio bene o diritto, la legge prevede rigidi requisiti di forma.
La donazione, inoltre, può essere impugnata quando vada a pregiudicare i diritti successori degli eredi della persona che in vita ha donato.

E’ consigliabile, pertanto, rivolgersi ad un professionista esperto della materia, in grado di fornire le soluzioni più utili ad evitare possibili future controversie familiari.
L’avvocato Barbara D’Angelo ha maturato consistente esperienza in questa delicata materia ed è in grado di fornire soluzioni attente e mirate.

Successioni internazionali

Il 15 agosto 2015 è entrato in vigore il regolamento UE n. 650/2012 relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento delle decisioni e degli atti pubblici in materia di successioni.
Il regolamento si applica alle successioni di carattere internazionale, vale a dire alle successioni che riguardo beni e patrimoni collocati in diversi paesi. Esso consente di individuare la legge applicabile alla successione transnazionale, oltre che il giudice competente a decidere in caso di contenzioso.

L’obiettivo della normativa è quello di prefigge di semplificare la complessità delle successioni internazionali, laddove, in precedenza, vi erano contrasti tra le normative interne applicabili.
Sempre in un’ottica di uniformazione e semplificazione, il regolamento ha altresì istituito il certificato successorio europeo, i cui moduli sono stati poi predisposti dal successivo regolamento di esecuzione n. 1329/2014.

Lo studio legale Barbara D’Angelo presta assistenza anche nell’ambito delle successioni internazionali, aiutando il cliente a prevenire e rimediare possibili problematiche.

Chiama lo 051 237070 per una consulenza preventiva oppure